ULTIME DALLA NECROPOLI DI BLAUNDUS, ANATOLIA, TURCHIA

Per leggere questo articolo occorrono 3 minuti

Sorta come colonia macedone nel III secolo a.C., l’insediamento collinare di Blaundus, nell’Anatolia occidentale è circondato da un profondo canyon su tutti i lati in cui i suoi abitanti hanno scavato centinaia di camere funerarie. Sebbene la necropoli sia nota da secoli, è solo di recente che un team guidato dall’archeologo Birol Can, dell’Università di Uşak, in Anatolia occidentale, Turchia, ha iniziato a indagare sistematicamente le tombe inesplorate.

Nel 2021, il team ha documentato circa 400 sepolture scavate sulle pareti del canyon. Secondo Can, le camere furono inizialmente costruite come stanze singole e alcune furono ampliate nel corso delle generazioni per fare spazio a sarcofagi che contenevano altri membri della famiglia e, in alcuni casi, fino a 30 deposizioni.

Monete e frammenti di ceramica rinvenuti nelle tombe, così come lo stile e l’iconografia degli affreschi che ricoprono molte pareti e soffitti, indicano che le sepolture risalgono al periodo romano, dal II al IV secolo d.C. Gli intriganti e colorati affreschi, che rappresentano piante e fiori, animali come uccelli e cani e personaggi mitologici, si sono deteriorati nel corso dei secoli a causa di scavi illegali, danni causati dall’acqua e incendi appiccati dai pastori che usavano le camere per ospitare i loro animali.

Ci sono centinaia di altre tombe ancora da scavare, comprese molte che probabilmente risalgono a prima nella storia di Blaundus e, secondo Can, è possibile anche intuire chi visitasse regolarmente la necropoli durante il periodo in cui veniva utilizzata.

L’antica città di Blaundus fu fondata dal comandante romano Blaundus mentre Alessandro Magno era partito per una campagna in Anatolia. Dopo Alessandro Magno, la città fu governata da Romani e Bizantini. Fu sede del vescovado in questi periodi.

Blaundus è stato costruito sulla sommità di una collina che domina il Grand Ulubey Canyon che ha un’importanza strategica per il confine tra Lidia e Frigia. Sebbene la città sia stata fondata in epoca ellenistica, a causa dei terremoti che hanno causato danni diffusi, la città è stata ricostruita e modellata in uno dei centri urbani di epoca romana più significativi della regione.

Ci sono molti edifici pubblici e religiosi, come templi, un teatro, uno stadio, una palestra e una basilica. Rimane anche la struttura di un acquedotto di 8 chilometri che serviva a portare acqua dolce alla città.

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: Università di Uşak

Source: danielemancini-archeologia.it

Check Also

Rare Ancient Coin Likely Shows a Supernova Explosion

There was a supernova explosion in AD 1054 when a nearby star ran out of …

Leave a Reply