COPPA ARCOBALENO CELTICA CON BOLLO RINVENUTA PRESSO IL FIUME LECH, GERMANIA

Per leggere questo articolo occorrono 3 minuti

Una rarissima moneta d’oro “coppa arcobaleno” con bollo, coniata più di 2.000 anni fa da tribù celtiche, è stata ritrovata vicino a un fiume in Germania. Coniata tra il II e il I secolo a.C., presenta un raro bollo raffigurante una stella a quattro punte circondata da archi su un lato e, come altre coppe arcobaleno recentemente rinvenute , è curva!

Secondo Bernward Ziegaus, curatore del dipartimento numismatico della Collezione Archeologica Statale che sta studiando la moneta, il nome “coppa arcobaleno” deriverebbe dalla leggenda secondo cui rappresenterebbe un goccia d’oro cadua sulla terra alla fine di un arcobaleno. Ziegaus aggiunge che un’altra leggenda su queste monete celtiche afferma che queste monete possono essere trovate solo dai bambini della domenica o… da un figlio della fortuna.

Il ritrovatore “domenicale”, un collaboratore di funzionari archeologici statali, ha scoperto la moneta a circa 70 chilometri a ovest di Monaco, nei pressi del fiume Lech, nello stato meridionale della Baviera.

Ovviamente non si conosce come sia giunta in quella zona ma il luogo non è lontano da una via di comunicazione antica, la Via Claudia Augusta, che partiva dalla Trento di oggi e attraversava le alpi fino ai domini germanici.

La coppa arcobaleno rinvenuta pesa 1,9 grammi ed è larga 13 millimetri e il recto, la parte anteriore della moneta, mostra una sorta di bollo raffigurante testa umana stilizzata con un grande occhio, con il naso e le labbra raffigurati come punti. Un’analisi dei metalli ha rivelato che la moneta è composta per il 77% da oro, per il 18% da argento e per il 5% da rame.

Sono note solo tre coppe arcobaleno con il motivo della stella e dell’arco e, secondo Ziegaus, la stella è forse il simbolo dei quattro punti cardinali, gli archi sono da intendersi come segni dell’orizzonte e del sorgere e del tramontare della luna.

Gli antichi Celti erano feroci guerrieri che vivevano nell’Europa continentale e in seguito saccheggiarono anche Roma. Le monete celtiche più antiche della Baviera risalgono al III secolo a.C., ma la conquista romana della regione nel 15 a.C. portò alla fine della coniazione celtica. Successivamente, le monete romane divennero la valuta principale della regione.

Secondo gli archeologi tedeschi, sebbene si conoscano pochi esemplari di questa coppa arcobaleno con bollo e nella zona state già identificate più coppe arcobaleno, si potrebbe tracciare un quadro della distribuzione della valuta anche se le monete d’oro di qualsiasi tipologia fanno molto gola a collezionisti e ricercatori “della domenica”.

Oggi la coppa arcobaleno è divenuta parte della Collezione archeologica statale bavarese di Monaco e poiché è “estremamente rara”, sarà esposto permanentemente nel museo insieme ad altri tesori di monete celtiche dal 2024.

Tradotto e rielaborato da Daniele Mancini

Per ulteriori info: Official website of the Celtic Coin Index

Source: danielemancini-archeologia.it

Check Also

Sand Engineered to Flow Uphill

Imagine sand flowing up a hill, defying gravity. Sounds impossible, right? But engineering researchers at …

Leave a Reply

Like us and follow us